PELLE ASFITTICA

Descrizione fisiologica del fenomeno estetico
Si tratta di un fenomeno che porta ad una progressiva ipossia della pelle, spesso accompagnata da un progressivo ispessimento dello strato corneo, in cui, le cosiddette cellule morte, non vengono più ricambiate con regolarità. Può avere diverse forme di patogenesi.

  • La più comune è l’esposizione solare in cui i raggi UV vanno a stimolare in modo massiccio la rigenerazione a livello dello strato basale, alterando il naturale equilibrio che c’è fra rigenerazione ed esfoliazione. Il risultato è un accumulo di cellule cornee.
  • L’invecchiamento cronologico è un altro dei fattori che può portare ad un ispessimento dello strato corneo, poiché con il rallentamento generale di tutte le funzionalità corporee, diminuisce anche la produzione di due particolari proteine enzimatiche, tripsina e chemotripsina, deputate a promuovere la naturale esfoliazione.
  • Malattie, stress, metabolismo rallentato, trucco, inquinamento sono altri fattori che possono determinare un rallentamento delle funzionalità fisiologiche e di conseguenza l’ossigenazione e l’esfoliazione cutanea.

Descrizione dell'inestetismo
La conseguenza più importante di questa ipossia della pelle e di un conseguente ispessimento è l’alterazione dei naturali scambi epidermici che porta ad una pelle arida, ruvida al tatto, ingrigita ed impoverita del suo naturale film idrolipidico. La microcircolazione sanguigna è lenta. Può essere frequentemente accompagnata da fenomeni di disidratazione.

Unità fondamentale
Strato corneo: è ispessito, scarsamente ossigenato e idratato, impedisce un buono scambio tra interno ed esterno e viceversa..

Ambiente fisiologico
Microcircolazione superficiale: un suo malfunzionamento porta ad indebolire e rallentare tutti i processi epidermici, esfoliazione compresa.

Fattori predisponenti
Invecchiamento cronologico: il turnover cellulare rallenta, così come il metabolismo e la naturale esfoliazione cutanea. La pelle tende ad indebolirsi e ad ispessirsi a discapito dell’approvvigionamento di ossigeno.

Fattori scatenanti

  • Esposizione solare: l’energia portata dai raggi UV favorisce la rigenerazione cellulare a livello dello strato basale, senza però aumentare parallelamente l’esfoliazione dello strato corneo.
  • Freddo: la bassa temperatura induce vasocostrizione e la pelle non è più sostenuta a sufficienza nei suoi processi quotidiani e si “affatica”
  • Rallentamento del metabolismo: una cattiva circolazione o un’alimentazione molto pesante, appesantiscono il lavoro del nostro organismo che, occupato a smaltire maggiori accumuli calorici o poco sostenuto nelle normali attività, dedica meno cure alla pelle. Si nota perdita di tono, di ossigenazione e di esfoliazione.
  • Agenti inquinanti: danneggiano il film idrolipidico della pelle e si “aggrappano” alle nostre cellule cornee sottraendo ossigeno alle cellule stesse che faticano a svolgere il loro ruolo di respirazione.

Questo sito fa uso di cookie. Utilizziamo sia cookies tecnici sia cookies di parti terze. Può conoscere i dettagli consultando la nostra informativa della privacy policy.
Premendo OK prosegui nella navigazione accettando l’uso dei cookie; in caso contrario è possibile abbandonare il sito.