RIPRISTINO FISIOLOGICO

 

Descrizione fisiologica del fenomeno
Lo "stress" può essere definito come la somma delle reazioni messe in atto dall'organismo di fronte ad un qualunque stimolo negativo, fisico, mentale o emozionale che tenda a perturbarne l'equilibrio. Quando tale risposta è inadeguata, si può giungere alla malattia. Talvolta il termine stress viene utilizzato per indicare gli stimoli che inducono tale risposta. In questo caso è più opportuno il termine "stressor".
La reazione dell'organismo agli stimoli stressanti si sviluppa in tre fasi successive: allarme, resistenza, esaurimento.
Nella fase di allarme interviene il sistema neurovegetativo. Vengono prodotti ormoni come l'adrenalina; si sviluppano tensioni al capo, al collo, alla schiena, al petto, all'addome; sorgono pensieri di fuga o di attacco. Rimosso lo stress, il corpo si riprende.
Nella fase di resistenza si ha una risposta biologica complessa sostenuta dal sistema neurovegetativo, endocrino e immunitario. Se lo stress continua, il corpo cerca di resistere o di "adattarsi". Anche se il corpo incomincia a sentirsi di nuovo normale e si è adattato a far fronte allo stress, questo processo sottrae energie. Con il passare del tempo questa condizione comprometterà la capacità dell'organismo di funzionare in modo efficiente.
Nella fase di esaurimento si ha la comparsa di manifestazioni patologiche diverse. Se lo stress è a lungo termine l'organismo si esaurisce. Le riserve necessarie per sopportare il continuo stress finiscono. Il fisico diventa debole e affaticato. I sintomi possono peggiorare e si possono sviluppare vere e proprie malattie.
Si passa quindi da una fase di stress positivo eu-stress ad una fase di stress negativo di-stress.

Descrizione dell'inestetismo
Le modificazioni biologiche che avvengono nelle reazioni di stress servono a rafforzare le difese biologiche nei confronti di stimoli esterni negativi. Se lo stimolo non può essere allontanato la condizione di stress diventa cronica e predispone l'organismo alla malattia.
L'Adrenalina determina vasocostrizione dei capillari causando ipertensione e rischio cardio-vascolare.
Il Cortisolo mantiene lo stato ipertensivo e riduce la capacità di difesa immunitaria.
In conclusione, l'apparato circolatorio ed il sistema linfatico vengono rallentati e compromessi, non garantendo più un buon trasporto delle sostanze funzionali e un'adeguata rimozione delle scorie dal nostro organismo.

Unità fondamentali
Tutti gli apparati corporei possono essere soggetti a disturbi del funzionamento.

Ambiente
Sistema fisiologico nutritivo-drenante: circolazione sanguigna e linfatica rallentate e compromesse.
Rallentamento dell'eliminazione delle tossine e degli scarti metabolici.
Rallentamento delle funzionalità metaboliche.

Fattori Predisponenti
Ogni organismo è predisposto a reagire agli stressors per garantire la propria incolumità.

Fattori Scatenanti

  • Stile di vita caotico e frenetico
  • Tensioni psicologiche o psico-sociali
  • Vita sendentaria
  • Ambiente inquinato
  • …e ogni elemento che possa apparire un pericolo per il nostro organismo.

 

Questo sito fa uso di cookie. Utilizziamo sia cookies tecnici sia cookies di parti terze. Può conoscere i dettagli consultando la nostra informativa della privacy policy.
Premendo OK prosegui nella navigazione accettando l’uso dei cookie; in caso contrario è possibile abbandonare il sito.